Che io non sia un’appassionata di cucina già si sa, ma questo non significa che non sia una mamma attenta all’alimentazione delle mie bambine. Sicuramente il mio compito è facilitato dalle due piccole bocche fameliche che non mi hanno mai fatta penare con il cibo, ma si sa che comunque i bambini vanno tenuti a bada, altrimenti strafogherebbero dolci e schifezze dalla mattina alla sera.
Per fortuna le mie piccole pesti amano anche gli alimenti genuini tra cui yogurt, cereali, frutta e anche un po’ di verdura. Per quanto riguarda queste ultime, purtroppo è ormai diventato molto difficile riuscire a trovarne di qualità. Le mele del supermercato sono, ad ogni stagione, rosse come quella di Biancaneve e, se conservate nel frigorifero, durerebbero anche 2 settimane. Il che la dice lunga.
Una volta c’era il fruttivendolo di fiducia, ma oggi, poiché la concorrenza del mass market è spietata, e anche lui deve tirare a campare, si è dovuto adattare ed è così che anche nel negozietto di paese capita di trovare frutta e verdura non propriamente di stagione o di dubbia provenienza.
Ma allora come fare per garantire ai nostri bambini frutta e verdura fresca?
Sempre più spesso si sente parlare di agricoltura biologica, ma che cos’è?
E’ prima di tutto un tipo di agricoltura a basso impatto ambientale, che rispetta il ciclo della natura e che interviene limitatamente sul suolo per poterne sfruttare la naturale fertilità. Inoltre non vengono impiegati prodotti chimici, se non quelli ammessi dal regolamento CE.
Questo significa che i prodotti agricoli sono forse meno belli da vedere ma sicuramente più freschi, gustosi e ricchi di sostanze nutritive e antiossidanti.
I prodotti biologici si possono trovare anche nella grande distribuzione, ma ho sempre pensato che, per essere davvero biologico, un prodotto dovesse arrivare direttamente dal coltivatore, perché il processo di confezionamento e la permanenza sugli scaffali del supermercato ne compromettono comunque la freschezza. Quindi? siamo destinati a mangiare per sempre solo prodotti contaminati? Forse no.
L’altro giorno parlavo con una collega proprio di questo problema e lei mi ha suggerito di provare il servizio di BioExpress. Si tratta di un gruppo di produttori che coltivano secondo le regole di agricoltura biologica e poi distribuiscono i loro prodotti, esclusivamente di stagione, direttamente ai consumatori.
Basta scegliere sul sito il tipo di cesta che si vuole ricevere e mandare una mail per aderire al servizio.
E’ una sorta di abbonamento ma è molto flessibile e non vincolante. 
Cosa ne pensate? Conoscete già questo tipo di servizio?
Io mi sono appena iscritta, quindi sono in attesa di ricevere la prima cesta…quando arriverà, scriverò le mie impressioni.
avatar
Author

Laura. Donna, quasi moglie, mamma tascabile delle twins, orgogliosa zia di due adolescenti e della polpetta, blogger, creartista e webaholic. Scrivo di me, di loro e di tutto...per non dimenticare niente.

2 Comments

  1. avatar

    La mia casa è stata costruita nel terreno (agricolo) di mio suocero, pieno di alberi da frutto. Davanti casa abbiamo l'orto e la scorsa estate ho preparato la salsa in bottiglia raccogliendo da sola i pomodori. Quello che vedo e che mi dicono da sempre è che non si raccoglie nulla se non utilizzi pesticidi e nonhai idea di quante olive e susine sono andate perdute solo perchè mio suocero aveva saltato l'applicazione del veleno (ha 80 anni e non riesce a fare sempre tutto). Detto questo ammiro chi riesce a coltivare in maniera più salutare anche perché io non ne sono capace e non ho neanche la possibilità di persuadere qualcuno del contrario.
    Ciao!

  2. avatar

    Che fortuna poter avere degli alberi da frutto praticamente in casa. Credo anch'io che non si possa fare a meno dei pesticidi per poter portare avanti un raccolto, ma mi sembra di avere capito che nell'agricoltura biologica vengano impiegati solo quelli ammessi dal regolamento CE e comunque viene evitato tutto ciò che è chimico e non strettamente necessario, come coloranti e conservanti.
    La prossima settimana riceverò la prima cesta e ti farò sapere com'è. Se la qualità dovesse essere anche di poco superiore rispetto a ciò che trovo in commercio penso che ne sarà valsa la pena. Un abbraccio!

Write A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: