Senza titolo
Ogni tanto…anzi, proprio raramente, anche la nostra città propone qualche interessante iniziativa per i più piccoli. Domenica scorsa, al museo cittadino, i bambini hanno avuto la possibilità di scoprire le arti e i mestieri di una volta, grazie ai racconti e alle dimostrazioni di manualità dei nonni. Per la modica cifra di 2 euro, all’ingresso ci è stato consegnato un sacchetto con la merenda e che avremmo poi utilizzato per custodire i lavoretti. Abbiamo iniziato il nostro percorso ammirando le “sante” nonne che lavavano i panni al lavatoio (io ho la lavatrice fuori uso da una settimana e mi sento come se vi avessero tolto una costola) e da lì in poi, a ogni postazione di lavoro, i nonni coinvolgevano i bambini in attività manuali e creative. Ecco cos’abbiamo fatto:

Senza titoloSenza titoloSenza titoloSenza titoloSenza titoloSenza titoloSenza titoloSenza titoloSenza titoloSenza titoloSenza titoloSenza titoloSenza titolo
E’stato tutto molto divertente e interessante, ad accezione dell’impasto del pane: Nicole, quando ha visto che quella pasta appiccicaticcia rimaneva sulle mani dei panificatori, ha pensato di esprimere ad alta voce il suo pensiero: “Mamma, ma che schifo!!”. Mi sono vergognata come una ladra e le ho risposto con una delle solite frasi di circostanza del tipo: “Non si dice che schifo. Non è un bel modo di esprimersi”. E’ stato davvero bello vedere l’entusiasmo dei bambini di fronte a qualcosa che gli adulti forse avrebbero sottovalutato. Troppo spesso dimentichiamo che ai bambini piace “fare”, provare, toccare con mano e sperimentare tutto ciò che viene loro insegnato. Questa è stata sicuramente una bella occasione di apprendimento…tanto più che non ho dovuto pensare a cosa cucinare quella sera…
avatar
Author

Laura. Donna, quasi moglie, mamma tascabile delle twins, orgogliosa zia di due adolescenti e della polpetta, blogger, creartista e webaholic. Scrivo di me, di loro e di tutto...per non dimenticare niente.

4 Comments

  1. avatar

    Sai, io mi ritengo fortunata, i miei nonni facevano i contadini, quindi tutto ciò che la tua bimba ha provato alla Fiera, io lo vivevo normalmente. Ricordo con affetto tutto ciò che i miei nonnni mi hanno trasmesso!

Write A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: