Non siamo liberi di scegliere proprio niente.

La quotidianità, gli impegni, la famiglia e il lavoro quasi sempre scelgono per noi.
Puoi provare a fare qualcosa ma non sempre puoi cambiare il corso degli eventi.
Giusto per dirne qualcuna estremamente banale, se mi fregano un parcheggio, se si mette a diluviare quando indosso le décolleté appena comprate o se arriviamo in ritardo al cinema per un capriccio e perdiamo l’inizio del film, posso provare a non incazzarmi. Ma non posso spostare quella macchina per metterci la mia, far cessare la pioggia o chiedere il rewind del film. 
Quando perdiamo il controllo di certe situazioni non possiamo più riprenderlo. E non sempre si tratta solo di un parcheggio o di un paio di scarpe!
Alla fine del gioco possiamo solo provare a limitare i danni.
Non si torna più indietro. Rimangono solo i rimorsi o i rimpianti…e le parole non dette. Ma anche quelle dette in silenzio.
I SE, i MA…continuano a frullare per la testa e si fanno largo tra le certezze, trasformandole in dubbi.
Vorrei cambiare tante cose, liberarmi delle presenze inutili e circondarmi solo di positivita’, sincerità e lealtà. Ma non posso scegliere.
Oggi e’ una giornata no. Va così. Perché forse così doveva andare.
Ah, e’ il mio primo giorno di ferie natalizie.
avatar
Author

Laura. Donna, quasi moglie, mamma tascabile delle twins, orgogliosa zia di due adolescenti e della polpetta, blogger, creartista e webaholic. Scrivo di me, di loro e di tutto...per non dimenticare niente.

4 Comments

  1. avatar

    Caspita, che inizio scoppiettante, eh!
    Dai, oggi è solo l'inizio.
    Coraggio, proviamo a lasciarci trasportare dall'aria positiva che aleggia…no?

  2. avatar

    Forse ti sembrerà una cosa senza senso ma per me non lo e': va così proprio perché e' il primo giorno di vacanza, la mente si rilassa, il corpo si riposa e qualcosa si inceppa, perché non siamo abituati e viviamo sempre sotto stress, con l'adrenalina a mille. A me succede sempre di ammalarmi all'inizio delle ferie, non e' influenza o virus, non e' niente in realtà, solo un fisico ed una mente che e' abituato a stare sotto pressione e se non accade, qualcosa si inventa….pero passa in fretta!

  3. avatar

    Succede anche a me, per la verità, ma faccio finta di nulla, anche perché lavorerò fino al 24 notte…e guai se poi cedo il 25, ti pare??? ^_^

Write A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: