Minorca - Son Saura

E’ stata davvero dura, quasi il sole non voleva degnarci della sua presenza. La mattina si affacciava timido per poi scappare via lasciandoci con pioggia, se non grandine.
Una primavera intera a controllare le previsioni del week-end e sperare di trascorrerlo almeno all’asciutto. Insomma non sono bastati i mesi invernali, durissimi, trascorsi in scomodi cappottini e cappelli di lana, ma ci si è messo anche maggio, per niente generoso, se non in qualche sporadica giornata nella quale buona parte della penisola si è precipitata fuori porta o, per i più fortunati, al mare.

Ma ora, finalmente, come una farfalla si esce dal bozzolo per godersi l’estate.
Appuntamento last minute con l’estetista. Poi una passeggiata tra le vetrine per conoscere l’ultima moda dei costumi italiani già in mostra nei principali store delle marche più gettonate. Infine, cammina che ti cammina, ci si ferma proprio davanti a un’agenzia di viaggi, la stessa dove, avvolti nei nostri giacconi e sorreggendo l’ombrello, facevamo una piccola sosta per leggere le mete invernali più gettonate, quelle al caldo, che quando si rientra in città l’abbronzatura diventa l’invidia di tutti.

Oggi ho fatto due chiacchiere con Melissa, agente di viaggio dell’agenzia Coconut Viaggi di Sasso Marconi (BO). Ci faremo aiutare nella scelta dei luoghi più adatti alle famiglie numerose, e ovviamente con gemelli!

Pronti a viaggiare con i bambini? E se ad aiutarci è proprio una mamma di gemelli, allora sì che possiamo partire tranquilli…

Prima di tutto vediamo di sfatare un mito: è vero che esistono viaggi adatti a famiglie e viaggi per chi si muove senza bambini? Almeno per noi italiani, dato che americani e tedeschi (questi ultimi specialmente) arrivano in ogni dove?

Non esistono viaggi adatti a famiglie con bambini ma esistono famiglie con bambini adatte a viaggi. Questo per dirvi che ogni famiglia ha un suo essere, un suo percorso, delle abitudini. Sta a noi cercare di capire se qualcosa fa per noi oppure no! Se ce la fanno i tedeschi perché noi non dovremmo riuscirci?

Famiglia italiana tipo, genitori e due bimbi 0-12 mesi: quali mete consiglieresti, vista la presenza ingombrante di passeggini, carrozzine, cambio per il bebè e quant’altro?

Esistono, ovunque nel mondo, strutture comunemente chiamate “family friendly”. Sono strutture che hanno un’attenzione particolare per famiglie, noleggio passeggini e nursery. Ci sono molti villaggi in Italia e all’estero con queste caratteristiche ed esistono anche cataloghi specifici (esempio “vacanze in famiglia” di Alpitour). Queste strutture hanno sempre anche il miniclub diviso per fasce d’età che è un toccasana sia per il bambino, che ha modo di stare con altri bambini, divertirsi e avere stimoli nuovi, ma anche per il genitore, che magari durante le 24 ore della giornata ha un paio di ore di relax in completa tranquillità, sapendo che i suoi bambini sono affidati a personale competente e attento.

E con bimbi dai 12-36 mesi già svezzati e che camminano?

Tutto il nostro Mediterraneo è splendido…basta saper scegliere l’isola o la costa giusta. Pensiamo alle isole Baleari: Maiorca con le sue ampie spiagge, Minorca le sue calette (magari però in alcuni casi particolari più difficili da raggiungere), Ibiza con zone splendide e tranquille…sfatiamo il mito dell’isola della “perdizione”. Formentera quasi nulla la ricettività villaggi…ma un mare da far venire la pelle d’oca. Ci sono isole magari meno indicate perché per la maggior parte ricoperte di ciottoli…e come si fanno i castelli senza sabbia in spiaggia??

Viaggio organizzato con escursione o villaggio turistico tutto relax?

Il viaggio organizzato è senza ombra di dubbio il viaggio meno indicato per un bambino. Pensate a un bambino che è obbligato a stare moltissimo tempo seduto su un pullman per spostarsi da un posto all’altro, visitare zone e luoghi di cui gli frega poco o niente…a meno che non si faccia un viaggio di questo tipo su destinazioni e luoghi che sappiamo per certo attirino l’attenzione del ragazzo, ma qui stiamo già parlando di bambini più grandi, bambini che magari hanno voglia di visitare Roma con il Colosseo e i Fori Imperiali perché a scuola stanno attraversando quell’epoca storica. Il tour organizzato è sicuramente il più faticoso sia per genitori che figli ma è anche una vacanza differente rispetto al villaggio turistico in tutto relax. Le due cose non si possono certo paragonare….sarebbe come paragonare il dolce al salato…non si può!

Dicci un pro e un contro delle vacanze al mare con bimbi

Da mamma di due gemelle di 20 mesi in questo momento posso trovare solo pregi nelle vacanze al mare con i bimbi. Primo su tutto? L’aria di mare! Quante volte i nostri pediatri ci dicono “sarebbe bene fare molto mare quest’estate!”, che poi sia mare di Riccione o quello delle Maldive, è bene fare mare!

Un pregio pro e un contro delle vacanze in montagna con bimbi

I paesaggi splendidi che si vedono sulle nostre montagne non si vedono in nessun altro posto. Pensate alle Dolomiti, pensate al sole che tramonta e crea quei colori meravigliosi che solo in montagna si possono vedere. Pensate però anche alle passeggiate, quelle con lo zaino in spalla e i bambinelli dentro (perché magari non ancora in grado di affrontare determinati percorsi). Ecco credo che sia l’unico contro che posso trovare nella vacanza in montagna.

Che strutture potresti consigliare per il formato “famiglia”?

Se devo fare una scelta per destinazione rapporto qualità/prezzo/camere per famiglie numerose questa è la mia lista:

  • Maiorca Hipotels Mediterraneo Club
  • Minorca Siesta Playa Club
  • Ibiza Invisa Cala Verde
  • Rodi Myrina Beach
  • Creta Kournas Beach
  • Marsa Matrouh Jaz Oriental
  • Sardegna Alma Resort
  • Sicilia Fiesta Garden Beach

In caso di vacanze all’estero con bambini, quali sono i documenti che i genitori non devono dimenticare di mettere in valigia?

Sempre carta identità del bambino (ora la carta di identità si può fare immediatamente alla nascita) e tessera sanitaria, sia Italia che nei paesi Schengen. Nei paesi extra Schengen il passaporto personale del bambino.

Nell’eventualità si scelga una meta estera, su che periodo ci consiglieresti di partire al fine di risparmiare un po’?

Bisognerebbe evitare le settimane centrali di agosto perché i prezzi aumentano in modo esponenziale, anche se effettivamente per molte famiglie non è fattibile partire in altri periodi per motivi di lavoro. I periodi migliori sono senza dubbio giugno e prima settimana di settembre.

E per chi invece desidera restare in Italia, magari cullandosi nella comodita di un All inclusive? Quali sono le destinazioni più richieste?

Gettonatissime Puglia, Sicilia, Toscana e Sardegna, anche se devo dire che le ultime due hanno dei prezzi che fanno concorrenza a soggiorni ai Caraibi!

Ora divento complicata: Viaggiare con i bambini è bello perché…

…perché è speciale. Viaggiare con i bambini da tanto a noi e a loro. Con i viaggi diamo loro un bagaglio culturale importantissimo e sicuramente impariamo a conoscere meglio i nostri figli, anche vedendo come si comportano in ambienti non familiari, nuovi. E come diceva qualcuno “i viaggi danno una grande apertura mentale e si esce dal cerchio dei pregiudizi…”

Ultima ma non meno importante: una città d’arte per trascorrere una piacevole vacanza di cultura? Da dove si potrebbe iniziare tolte le classiche Firenze, Venezia e Roma?

Lo chiedi a una Bolognese… che città ti può rispondere? Bologna è una chicca. Una piccola città che con i suoi portici ti da la possibilità di visitarla in estate, in inverno, con pioggia, sole o neve! E poi come diceva il nostro grandissimo, immenso Lucio “Nel centro di Bologna non si perde neanche un bambino” proprio perché è veramente a misura di bambino.

Ringraziamo Melissa per i suoi preziosi consigli e per tutte le dritte che ci ha dato per questa estate. Con tutto questo parlare di vacanze, viene voglia di preparare la valigia…

Seguici anche su Facebook alla pagina The Pocket Mama ed entra a far parte della community Gemellitudine
avatar
Author

Sono Elena, ho 42 anni che se fossero portati meglio ne dimostrerei 10 in meno. Sposata, due figli e due cani. Avrei voluto anche 2 mariti, visto che uno per i lavori di casa non mi basta proprio. Amo leggere Camilleri, lo scrap digitale, gli album di foto più dei video (quelli mi fanno troppo commuovere) e la tecnologia. Inutile dire cosa odio o non sopporto, dovrei aprirci un blog…

3 Comments

  1. avatar

    Ciao Laura,
    sto organizzando una settimana al mare a luglio con le mie figlie e anche se ormai sono grandicelle i tuoi consigli sono sempre utili.
    ciao
    Manu

    • avatar

      Il merito è di Elena, anche lei mamma di gemelli, che ha fatto le domande giuste all’agente di viaggi, a sua volta mamma di gemelle 😉

  2. avatar

    Non posso che essere d’accordo con Melissa. Viaggiare con i bambini è bellissimo e da tanto a tutta la famiglia. Anche io scrivo spesso che viaggiare coi bambini si può e aggiungo che si deve,sono esperienze che magari non ricorderanno alla perfezione ma quello che rimarrà loro sarà lo stupore per il nuovo e quella sensazione di leggerezza e serenità data dai genitori rilassati e propositivi più del solito, proprio perchè in vacanza.
    Grazie Laura per questo bel post, a presto, Valeria

Write A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: