paghetta settimanale

Quando ero una ragazzina (mica tanto tempo fa), ogni domenica mio padre mi consegnava la mia paghetta settimanale, che ammontava a ben 10.000 delle vecchie lire.
La paghetta doveva bastarmi per tutta la settimana e per qualunque genere di spesa personale. In pratica avrei fatto la fame – e lo sapeva bene anche lui – se non fosse stato per la mancia che ricevevo settimanalmente anche da mia nonna e che mi evitava di fare una vita da emarginata sociale.

Con i quattro spiccioli che mi avanzavano dalle uscite del week-end, avrei dovuto risparmiare per due anni prima di riuscire a comprarmi un paio di Lewi’s, quindi mi rimboccavo le maniche e davo ripetizioni di matematica per guadagnare quanto mi occorreva per togliermi i miei sfizi.
Nonostante le difficoltà, sono orgogliosa di essere diventata indipendente presto e credo che, al di là delle possibilità economiche della famiglia, sia importante che i ragazzi imparino a guadagnarsi la paghetta settimanale, per capire il valore del denaro e i sacrifici che i genitori fanno quotidianamente per il loro mantenimento.

Oggi è sicuramente più difficile trovare un lavoretto extra-scolastico o stagionale, ma i ragazzi possono guadagnarsi il diritto di ricevere la paghetta settimanale dando il loro contributo nei lavori domestici o facendo le commissioni che i genitori non riesco a svolgere causa impegni di lavoro.

La paghetta settimanale su carta prepagata: i vantaggi

Naturalmente più i ragazzi crescono, più aumentano le esigenze e più è difficile per i genitori riuscire a monitorare le loro spese. Rispetto ai nostri genitori però, noi abbiamo il vantaggio di poter ricorrere alle carte prepagate o alle carte di debito, evitando di consegnare ai nostri figli la paghetta settimanale o mensile in contanti.
Possiamo aprire loro un conto corrente di quelli dedicati ai giovani e associarlo a una carta di pagamento che utilizzi i circuiti BANCOMAT® (per il prelievo) e PagoBANCOMAT® (per il pagamento), gestiti dal Consorzio BANCOMAT®, che sono i più diffusi e sicuri in Italia.

Le mie bambine sono ancora piccole ma quando arriverà il momento credo che adotteremo anche noi la carta prepagata per la gestione della loro paghetta settimanale perché offre diversi vantaggi:

  • non c’è il rischio di smarrimento del denaro mentre, in caso di smarrimento della carta, questa può essere bloccata e subito riemessa
  • noi genitori abbiamo la possibilità di monitorare le spese dei figli
  • i ragazzi imparano a gestire i loro risparmi controllando le loro uscite sugli estratti conto online ed evitando gli sprechi
  • offriamo ai nostri figli un’educazione finanziaria, insegnando loro il valore del denaro e del lavoro

Naturalmente, prima di consegnare una carta prepagata o una carta di debito ai ragazzi, bisogna educarli affinché ne facciano un utilizzo sicuro e responsabile. Per supportare i genitori in questo compito, Consorzio BANCOMAT® ha realizzato un video che illustra come insegnare ai ragazzi il procedimento da seguire per pagare in tutta Italia, come prelevare all’ATM salvaguardando la loro sicurezza e come custodire con cura il PIN.

Voi cosa ne pensate? Credete che le carte di pagamento possano essere una valida alternativa alla paghetta settimanale in contanti? Quali sono le vostre esperienze?

Intanto vi lascio con il video, dove sono sicura che troverete utili consigli.

A cura di Consorzio BANCOMAT®


[button url=”https://www.facebook.com/thepocketmama/”]SEGUI THE POCKET MAMA SU FACEBOOK[/button]

avatar
Author

Laura. Donna, quasi moglie, mamma tascabile delle twins, orgogliosa zia di due adolescenti e della polpetta, blogger, creartista e webaholic. Scrivo di me, di loro e di tutto...per non dimenticare niente.

Write A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: