come affrontare gli impegni quotidiani
Come affrontare gli impegni quotidiani.

Affrontare gli impegni quotidiani è difficile durante tutto l’anno, ma in primavera sembra ancora più complicato. Almeno per me.
Inizio sempre la stagione con tanti buoni propositi, tipo “da lunedì inizio a seguire un’alimentazione equilibrata”, “mi iscrivo in palestra”, “vado a correre al parco almeno una volta a settimana”. Ma finisce sempre che mi strafogo di dolci perché ho la pressione bassa (è sempre un’ottima scusa per i golosi) e ho bisogno di zuccheri, non ho tempo perché vengono prima gli impegni delle bambine e… toh, oggi piove e non posso andare al parco.

La verità è che la primavera mi rende sì più propositiva, perché il sole che asciuga la biancheria sul terrazzo e le giornate più lunghe mi fanno pensare già all’estate, peccato che il mio fisico sia sempre un po’ più lento a metabolizzare il cambiamento e che tenda quindi a scoraggiare i miei progetti.
Quindi, anziché sprizzare energia da tutti i pori, sprizzo allergia ai pollini che, se mixata a un raffreddore fotonico da sbalzi di temperatura, che manco un eschimese ne ha mai avuto uno così, mi riduce ai minimi termini. Se poi ci aggiungiamo stanchezza, spossatezza e stress…

Se non seguissi alcune regole fondamentali non riuscirei ad affrontare gli impegni quotidiani. La mattina sarebbe sempre un dramma dovermi alzarmi dal letto, perché mi attendono sempre giornate frenetiche, fatte di scadenze, vai-e-vieni tra casa-scuola-ufficio-casa-scuola-palestra (delle bambine), appuntamenti da ricordare, bollette da pagare, spesa da fare (e anche i premi da ritirare prima che scadano i punti dell’Esselunga). E ovviamente di tempo e di energia per le corse al parco non ne trovo nemmeno a pagarli.

Se anche bevessi caffè, credo che per affrontare la giornata con la necessaria vitalità, non mi basterebbe tuffarmi in un’intera vasca colma di caffeina…

Personalmente non potrei fare a meno del metodo adesivo e del metodo seconda moglie: se non avessi la mia fedele agenda, tappezzata di post-it, e gli alert impostati sull’iPhone tirerei più pacchi di un corriere!
Oltre a questi, adotto altri metodi per affrontare gli impegni quotidiani:

  • dormire almeno 8 ore a notte: il risposo è la mia prima fonte di energia. Se sto sul PC fino a mezzanotte, il giorno seguente ne pago il prezzo
  • iniziare la giornata con una colazione equilibrata, completa di tutti i nutrienti necessari per ricaricare l’organismo (carboidrati complessi come cereali, proteine buone come la soia, vitamine, minerali…)
  • fare una scaletta delle priorità. Su un’agenda faccio un elenco di tutte le cose che devo fare durante la giornata e stabilisco delle priorità. Ogni volta che porto a termine una mission impossible la depenno e vi assicuro che ci si sente subito meglio
  • staccare la spina per almeno mezz’ora. So che staccando la spina, si ferma tutto, ma prendersi una pausa rigenerante a metà giornata aiuta a smorzare lo stress e a recuperare l’energia
  • imparare a delegare. Da qualche mese a questa parte ho iniziato ad alzare la mano e a chiedere aiuto a chi mi sta vicino: quasi-marito va a fare la spesa, le bambine danno il loro contributo in qualche piccola faccenda domestica come apparecchiare, caricare la lavastoviglie e accoppiare i calzini 😉
  • assumere integratori. Sono ormai otto anni che assumo quotidianamente integratori di ferro, magnesio e fibre che mi aiutano a sopperire alle carenze. Nei periodi di particolare stress e in questa stagione, ricorro anche a integratori per contrastare la stanchezza fisica e mentale.

Quali sono i vostri metodi per affrontare gli impegni quotidiani al meglio? Se avete qualche buon consiglio, fatemelo sapere.

#MetodoNaturaMix

[button url=”https://www.facebook.com/thepocketmama/”]SEGUI THE POCKET MAMA SU FACEBOOK[/button]

avatar
Author

Laura. Donna, quasi moglie, mamma tascabile delle twins, orgogliosa zia di due adolescenti e della polpetta, blogger, creartista e webaholic. Scrivo di me, di loro e di tutto...per non dimenticare niente.

Write A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: