Purtroppoo per fortuna, per quanto riguarda le amicizie faccio selezione all’ingresso,perché sono convinta che non sia il numero a fare la differenza ma la qualità.
E Leiè una di quelle amiche capaci di fare davvero la differenza.
Miricordo ancora quel giorno in cui è entrata nel mio ufficio per l’on boarding,con quella sua carica di positività e la sua giacchetta rosa che faceva tantofashion.
Ildestino ci ha poi portate a condividere l’ufficio ma, nonostante ci fosse stataintesa fin dall’inizio, forse nessuna delle due avrebbe immaginato che saremmodiventate tanto amiche.
Lei èuna di quelle amiche che ci sono davvero, anche se non si è esattamente vicinedi casa.
Se hobisogno di un consiglio, so che lei saprà consigliarmi al meglio.
Se ho vogliadi parlare, so che lei saprà ascoltarmi.
Se houn dubbio sul da farsi, so che lei me lo risolverà.
Sesono felice per qualcosa, so che lei sarà sinceramente felice per me.
Se c’èqualcosa che mi angoscia, so che lei sarà dispiaciuta per me.
E seho un’idea folle…so che lei la appoggerà.
Sedevo scegliere qualcuno con cui condividere un’esperienza, scelgo senza dubbiolei, perché so che la vivrebbe col mio stesso spirito.
Non homai avuto davvero occasione per dirle tutto questo e per ringraziarla della suaamicizia, ma vorrei farlo oggi, in questo giorno speciale, perchépossa sapere che anch’io per lei ci sono.
Tiauguro di cuore tutto il bene del mondo!
E se siete un po’ curiosi di conoscerla, potete andare a trovarla qui.

avatar
Author

Laura. Donna, quasi moglie, mamma tascabile delle twins, orgogliosa zia di due adolescenti e della polpetta, blogger, creartista e webaholic. Scrivo di me, di loro e di tutto...per non dimenticare niente.

5 Comments

  1. avatar

    35 anni e piangere come una bambina di fronte a queste righe.
    La gravidanza ti rende più sensibile e da quando sono mamma basta poco per farmi commuovere. Se penso che incinta piangevo per la pubblicità di un ragù!! Mentre anni fa, con la mia giacchetta fucsia e la mia amica “tosta”, apparivo determinata e dura come una roccia. La prima volta che mi sono resa conto di essere in realtà una donna sensibie è stato un pomeriggio d'estate quando la MIA AMICA mi annuncia di aspettare un bambino, anzi due! E tutto magicamente mi si presenta davanti: la felicità vera è in quel pancino, che io ho fotografato tutti i mesi, fino a 3 giorni prima che nascessero le gemelle! Lei è piccola, ma forte, cresce due bimbe senza chieder aiuto a nessuno, perchè è orgogliosa e perchè sa di potercela fare. Organizzata e precisa, ricordo lo svezzamento di due bambine sedute una di fianco all'altra che prendono il loro cucchiaino di pappa seguendo una magica cadenza e attendendo con pazienza il loro turno. Ricordo bambine che a un anno e mezzo, sconvolgevamo me e mio marito nella composizione di un puzzle gigante di legno! Loro sono due bambine meravigliose, il loro papà bravissimo, ma permettetemi di dire che la loro mamma è SUPER, come non ne ho mai conosciute.
    A lei mi ispiro in continuazione e le voglio troppo bene, anche perchè solo da lei potevo aspettarmi un post simile. Thepocketmama so cosa vuol dire per te pubblicare queste parole, ne sono onorata!

Write A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: