CREMA DEPILATORIA

Se a 9 anni poco t’importa se il compagno di banco ti stuzzica dicendoti che hai più peli di lui, a 11 il confronto con le ragazze di 3^ ti fa sentire il brutto anatroccolo che, vittima degli ormoni, sta per trasformarsi in Wile E. Coyote. E il tuo Beep Beep è il tanto agognato e irraggiungibile rasoio, che ti scappa dalle mani ogni volta che stai per afferrarlo.

A ostacolarti nel tuo obiettivo non c’è il fato ma tua madre.
Ricordo i tentativi della mia di rimandare l’inizio della mia schiavitù, e le sue scarse opere di convincimento con storie di peluria bionda che in realtà erano peli neri come la pece e spessi come fili di nylon che crescevano impavidi soprattutto sulle mie ginocchia.

Ho capito le sue buone intenzioni solo ora che sono mamma anch’io, perché la storia si ripete, si tramanda di madre in figlia e a mia volta sto temporeggiando, anche se so che non manca molto al momento in cui dovrò insegnare alle mie bambine a depilarsi.

Le ragazze hanno già chiesto a quale età potranno sottoporsi alla luce pulsata, trattamento di epilazione definitiva che ho scoperto da un anno a questa parte, che consiglio dopo la maggiore età, perché gli sbalzi ormonali dell’adolescenza influiscono negativamente sul risultato che potrebbe non essere definitivo. E comunque che venga fatto in un centro estetico o a casa, ha i suoi costi.

Se dovete depilarvi per la prima volta, vi consiglio di iniziare con il rasoio o la crema depilatoria.

Sfatiamo il mito dei peli che ricrescono più duri e in quantità maggiore perché è solo un’impressione temporanea… torneranno esattamente quelli di prima!

Con il rasoio bisogna prestare molta attenzione perché le lame sono taglienti e c’è il rischio di procurarsi graffi o tagli.
Soprattutto alle giovanissime, meno esperte, consiglio di non utilizzarlo mai a secco ma di ammorbidire la pelle bagnandola per un minuto con l’acqua calda e poi spalmare un’apposita crema, o anche la schiuma o il gel da barba del papà, sulla zona dove si passerà il rasoio.
Le zone più delicate sono le ginocchia e le caviglie perché le ossa sono più spigolose e aumenta il rischio di tagliarsi.

Quando avete finito sciacquate le gambe con acqua fredda (che è un toccasana anche per la circolazione, anche se siete giovani!), asciugatele con un asciugamano tamponando e senza sfregare per non irritare la pelle, e infine stendete un velo di una crema idratante.

L’alternativa al rasoio è la crema depilatoria Veet.
Non correte sicuramente il rischio di tagliarvi ma i prodotti non sono tutti uguali quindi attenzione a scegliere quello giusto, che sia adatto al tipo di pelle e alla zona da depilare (ascelle e bikini sono più sensibili delle gambe).
Scegliete le creme depilatorie indicate per le pelli sensibili che riducono il rischio di allergie e sono arricchite con ingredienti dalle proprietà lenitive.
La crema depilatoria si stende sulla pelle utilizzando l’apposita spatola che trovate nella confezione e si lascia agire per il tempo indicato sulle istruzioni del prodotto. Attenzione a non superare mai il tempo massimo per non danneggiare la pelle!
Per rimuoverla utilizzate sempre la spatola e risciacquate poi i residui con acqua fresca.
Il grande vantaggio rispetto al rasoio è che la crema agisce in prossimità della radice, quindi il risultato è sicuramente più duraturo.

Quando vi sentirete pronte per il passo successivo, potrete provare a fare la ceretta, ma in quel caso vi consiglio di rivolgervi a un’estetista esperta e lasciare i prodotti casalinghi alla mamma 😉

Fatemi sapere come va!

(Post in collaborazione con Veet)

(photo credit: via photopin license)

avatar
Author

Laura. Donna, quasi moglie, mamma tascabile delle twins, orgogliosa zia di due adolescenti e della polpetta, blogger, creartista e webaholic. Scrivo di me, di loro e di tutto...per non dimenticare niente.

Write A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: